martedì 11 maggio 2010

schema de sa carira.


questa è sa carira (= la sedia). Ho un po' modificato lo schema perchè, a seguire il campione in foto, molti punti non coincidevano. Come ho già detto, questo tipo di ricamo richiede regolarità e precisione, altrimenti le parti non corrispondono. Per esempio: se si tratta di un motivo chiuso, quando si arriva alla fine, ci si dovrebbe ricollegare con il punto iniziale ed invece non accade. Non so se sono riuscita a farmi capire: cercherò di spiegarmi con un esempio. Se io sto facendo uno zig-zag in direzione orizzontale e, per distrazione, scendo di una trama, e questo zig-zag lo sto eseguendo per incorniciare, poniamo, un centrino quadrato, alla fine del quarto lato, mi troverò con una trama in più, per cui la fine e l'inizio del lavoro non coincideranno.
Un'ultima osservazione: mi è stato detto che mi seguono diverse persone fuori dall'Italia: vorrei precisare che, anche se il mio blog è in italiano, sono in grado di capire l'inglese, mentre capisco abbastanza bene il francese: perciò se queste amiche avessero bisogno di chiarimenti non ci sono problemi da parte mia.

3 commenti:

LULLITA ha detto...

Non me ne parlare!!!! :-(((
Ho disfatto tantissimo proprio per questo errore! Adesso, sto più attenta e controllo più spesso, così in caso non devo disfare metri di ricamo! Un altro errore che ho fatto diverse volte è quello di riprendere il ricamo al contrario, cioè girato di 90 gradi, così i nodi si trovano sulle trame orizzontali e non verticali rispetto al ricamo già eseguito.
Sbagliando si impara, c'è poco da fare!
Domanda: ma il DVD della Biblioteca sarà in vendita o solo per consultazione? Perchè mi piacerebbe assai! ;-)))
Grazie per questo nuovo schema e un grande bacio
Luisa
Ba

Jeanine in Canada ha detto...

Non vi posso dire QUANTE volte ho disfatto questo disegno!
:-D Mi sento mooooolto bene sapere che non sono stata da sola.
Graaaaazie mille come sempre!

r.a.b. ha detto...

figuratevi io che, oltre ai miei, ho dovuto disfare anche quello di mia sorella.. :)! però alla fine ho escogitato una tecnica particolare per disfare più in fretta e senza sciupare troppo il filo, al punto che qualche volta ho potuto riutilizzarlo. forse voi già lo fate oppure avete trovato di meglio, però ve la voglio descrivere lo stesso:
metto il ricamo in posizione ascendente da destra verso sinistra ed infilo l'ago nel nodo dal basso. una leggera pressione verso l'alto ed il nodo si allenta. naturalmente occorre una buona vista o, come nel mio caso, una buona lente, per infilare l'ago correttamente nel nodo e non dentro il filo, cioè senza 'spaccarlo'.
comunque, come mi diceva la signora che mi ha insegnato, è sempre meglio controllare continuamente la corrispondenza con il lavoro già fatto piuttosto che dover disfare tanto dopo...

 
Statistiche gratis